Giochi educativi

Gli amici del 10: un gioco educativo per imparare la matematica

By 28 Novembre 2020Dicembre 21st, 2020No Comments

Il mondo dell’infanzia apprende in molti modi ma il suo preferito è certamente giocando.

Per questo si è sviluppata una crescente attenzione per i giochi educativi e didattici: permettono di acquisire competenze attraverso una modalità che per il bambino è del tutto naturale: quella del gioco.

E come far memorizzare ai bambini le coppie decine amiche del 10 che stanno alla base del calcolo numerico se non giocando e divertendosi?

Questo è lo scopo del gioco educativo “Gli Amici del 10”.

Un gioco EDUCATIVO e DIDATTICO, ideato da una bambina per bambini, per stimolare concentrazionememoria e logica con colori, forme, numeri e parole.

1.0 Gli amici del 10: educare alla matematica

È vero che sin da piccoli mostriamo preferenze: chi al ragionamento astratto, chi al disegno, chi al racconto etc…
Ma è altrettanto vero che alle restanti aree, possiamo educarci sin da piccoli.

Probabilmente non diventeremo mai i nuovi esponenti dell’arte contemporanea se il disegno non è esattamente la nostra materia, però possiamo imparare a cavarcela.

Così è per la matematica: contrariamente a quanto si riteneva un tempo, non è una dote con cui o si nasce o non si farà mai pace.
Possiamo educare alla matematica.

Si tratta solo di avvicinarla dal lato giusto sin da bambini; giocando, trovando gli strumenti adatti, che non annoino e permettano di approcciarsi con curiosità e interesse. E questo è lo scopo dei giochi didattici.

Appassionandoli, possono loro stessi inventare dei giochi, proprio come è successo con Angie e Anita, le due bambine che hanno creato il gioco di carte Gli amici del 10 di cui raccontiamo la storia qui.

Tutto quello che si può scoprire e giocare è degno di interesse nell’età dell’infanzia.

E quindi è degno di essere appreso.

Un mazzo di carte bello colorato da giocare con gli amici, con i genitori o i parenti può essere davvero molto, molto interessante.

 
 
 
 
 

🌈  EDUCATIVO/DIDATTICO – 2 giochi in uno per imparare divertendosi con facilità, le coppie del 10, alla base di qualsiasi calcolo matematico.

🌈  DAI 5 ANNI – Adatto ai più piccoli, ma anche gli adulti si divertono.

🌈  PRATICO – 40 carte / 10 minuti a partita – dimensione confezione: cm 9,5×6,5×2,5 compatto da portare sempre con se.

🌈  VERSATILE – 🏖  Al mare, 🍄  in montagna, 🌲  al parco, c’è sempre una buona occasione per giocare, imparare divertendosi con altri bambini, e lasciare qualche attimo di libertà ai genitori 🤩

🌈  CREATIVITÀ MADE IN ITALY –  🇮🇪  prodotto di manifattura artigianale, ecologico con carta FSC resistente e leggera, realizzato con materiali certificati per giocare in SICUREZZA.

🌈  SOCIALE – Questo prodotto sostiene i progetti dell’impresa sociale CavaRei. Ogni scatola del gioco è confezionata con amore e passione, una ad una, dai ragazzi disabili della cooperativa.

ACQUISTA SU AMAZON

1.1 Imparare la matematica giocando

La matematica si apprende in molti modi sin dalla più tenera età: alla scuola dell’infanzia, o scuola materna, già iniziano i primi giochi educativi didattici per preparare i prerequisiti che li aiuteranno poi alla primaria.

Non si tratta ovviamente di fare addizioni e conti ma di allenare la concentrazione, l’attenzione, il senso dello spazio, delle grandezze.
La Montessori fu tra le prime ad insistere sull’importanza del gioco come strumento d’importanza fondamentale nell’apprendimento.

Il web è pieno di esercizi e problemi di matematica per le elementari che si presentano sotto forma ludica: trenini da completare, percorsi da tracciare, disegni da riempire.

Ma il gioco è ancor più divertente se fatto insieme, in due o anche in quattro; se si può portare ovunque si vada e se non ha neppure da lontano la forma di un compito.

Il mazzo di carte Gli amici del 10 unisce:

  • l’aspetto visuale (il numero di stelline, di quadrifogli, di cuori)
  • il simbolo numerico (4, 5, 8…)
  • uno scopo ludico (formare coppie, memory…)

Per il bambino è più semplice e divertente memorizzare ad esempio gli abbinamenti 7 e 3, 4 e 6, 5 e 5 e imparare tutti i numeri amici del 10, perché la memorizzazione non è per lui il fine ultimo del gioco ma il mezzo per poter vincere la partita. Anche contro i suoi genitori!
È questo cambio di prospettiva che permette di imparare le coppie senza sforzo eccessivo e senza annoiarsi.

2.0 Amici del 10, memory e tabelline

Ma a cosa serve imparare le coppie dei numeri amici del 10?
A facilitare il calcolo mentale.

Si tratta di un’abilità molto utile anche se, al giorno d’oggi, smartphone sempre alla mano, abbiamo una calcolatrice sempre con noi.
Imparare subito e bene le basi del calcolo matematico è di fondamentale importanza perché vi sono tempi ed età precise in cui farlo.
La scuola primaria insiste proprio su queste acquisizioni.

Il gioco Gli Amici del 10 si presta a diversi utilizzi:

  • per imparare le coppie amici del 10
  • come memory per allenare attenzione e concentrazione
  • per ripassare in modo giocoso e random le tabelline

Per le tabelline basterà infatti mescolare il mazzo, estrarre una prima carta (ad esempio un 2 cuori) e subito dopo un’altra (ad esempio un 4 quadratini) e chiedere qual è il risultato della moltiplicazione.

Un mazzo di carte, tante opportunità… ludo-matematiche!

Se consci un bimbo a cui piacerebbe imparare divertendosi:

Sostieni il progetto con una donazione libera

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: